Metti un polpo in “pignata”

Metti un polpo in “pignata”

lunedì 30 Maggio 2022

La pignata, o pignatta, altro non è che una pentola realizzata in terracotta, protagonista dell’antica cucina contadina pugliese. Il tempo, fortunatamente, non ha scalfito questa tradizionale tecnica di cottura che è rimasta pressoché inalterata fino ai nostri giorni.

Si tratta di un tipo di cottura molto lenta che si effettua direttamente sul fuoco, in grado di preservare al meglio i profumi e i sapori delle pietanze: legumi, ortaggi, carne e pesce… quasi tutto si può cucinare nella pignata e il risultato, neanche a dirlo, è eccezionale.   

E niente si presta a essere cucinato in pignata più del polpo. Il polpo in pignata è infatti uno dei piatti più rappresentativi del Salento, anche se è possibile gustarlo un po’ ovunque in Puglia.

La cottura del polpo richiede una certa cura, dal momento che la sua carne può risultare un po’ tenace. Per questo, le migliori chef pugliesi (le nonne…) consigliano di far riposare il polpo in freezer per qualche giorno prima di cuocerlo: questo passaggio lo renderà più tenero e più semplice da cucinare.

Gli ingredienti di questa ricetta sono molto semplici, come spesso accade nella nostra cucina, ma il segreto per la sua perfetta riuscita è sicuramente la freschezza delle materie prime: polpo, patate, pomodori maturi, cipolla, prezzemolo e ovviamente la pignata che non dovrà essere eccessivamente grande. Un piatto che unisce mare e terra, in una sintesi di profumi e sapori che non dimenticherete.

Pronti a scrivere la vostra lista della spesa? Questa ricetta diventerà, ne siamo certi, uno dei vostri piatti forti.

Ingredienti:

1 kg di polpo

1 kg di patate

10 pomodori maturi

2 spicchi d’aglio

1 cipolla bianca

2 porri piccoli

Prezzemolo q.b.

½ bicchiere di vino bianco

Olio extravergine d’oliva e pepe q.b.


Ricetta
Prima di tutto, pela le patate e lasciale in una ciotola con l'acqua per qualche minuto prima di tagliarle a pezzi. Intanto, sbollenta i pomodori, per spellarli ed eliminare i semi più facilmente, e poi tagliali a pezzetti. Affetta anche la cipolla, i porri e l'aglio.

Lava accuratamente il polpo, puliscilo bene e taglialo in pezzi grandi. Poi versa nella pignata o in un tegame di coccio l’olio evo, ricoprendone tutto il fondo. Inserisci il polpo e fallo rosolare per circa 30 minuti, senza aggiungere né sale né acqua.

Quando sarà diventato rosa, aggiungi le patate e mescola. Sfuma tutto con il vino bianco e versa i pomodori, la cipolla, l’aglio, i porri, il prezzemolo e il pepe (o il peperoncino). Poi copri con il coperchio e lascia cucinare per altri 30 minuti.
Una volta cotto, servi tutto con delle fette di pane fresco o dei crostini.

Buon appetito!

Foto interna di @samuelfacecchia

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram